A tutte le lettrici...

Care amiche, come sapete in questo blog pubblico quasi esclusivamente i miei lavori, fornendo, per quelli di mia creazione, anche gli schemi e le istruzioni per la realizzazione.
Tutto il materiale è liberamente scaricabile (del resto è qui per questo), vi prego però, qualora doveste ripubblicare in tutto o in parte i miei lavori sul web (in altri blog, siti o forum), di voler cortesemente inserire il link di provenienza.
Grazie, con amicizia Katy.

Lettori fissi



Gli schemi che trovate a corredo dei miei modelli
sono realizzati grazie a questo programma.


lunedì 26 ottobre 2015

Quelle odiate modifiche!

Questo vestito l'avevo cucito lo scorso anno per Natale.





Aveva due difetti: era un po' troppo largo e non mi piaceva per niente come era venuta cucita la lampo.
Il velluto elasticizzato è un tessuto difficile da cucire...proprio perché elasticizzato...appunto.
Ho messo il vestito una sola volta alla piccolina ma non vedevo l'ora di tornare a casa per cambiarla!!
Se c'è una cosa che mi impensierisce è rimettere le mani su un lavoro che pensavo finito.
Così il vestito è rimasto in "decantaggio" fino a qualche giorno fa.
Preso il coraggio a due mani mi sono messa all'opera. Ho così scoperto che il velluto elasticizzato, una volta cucito è anche molto difficile da scucire... UFFI!!!!
Così ho tagliato via la lampo e ho provato a sostituirla con una diversa, di quelle a scomparsa ma faceva comunque difetto.
 Allora pensando ho fatto una bella cucitura sul dietro del corpetto ma dall'interno (scucendo un po' la gonna e la fodera e passando da quell'apertura...un lavoraccio credetemi); così facendo il vestito si è anche ristretto di qualche centimetro.
Il velluto è un po' segnato dalla vecchia cucitura, comunque è abbastanza ok...penso che al primo lavaggio tornerà a posto:


In più dato che l'UNICO vantaggio di questo tessuto è appunto l'essere elasticizzato può essere facilmente indossato anche così, senza una lampo.

venerdì 2 ottobre 2015

IL CAPPELLO E'...SERVITO!!!!

L'autunno è arrivato improvvisamente con tanto vento e una fastidiosa pioggerella. Mi sono resa conto che la piccolina non aveva un cappellino "da mezza stagione"...solo cappelli estivi o di lana...
Mi sono immediatamente messa al lavoro...in un cassettino della mia memoria mi sono ricordata di un video tutorial visto sulla pagine Facebook di Drop Design per realizzare un basco partendo con il gioco di ferri (MAI USATO IN VITA MIA, anche se ho dei bei ricordi delle nonne che sferruzzavano delle calze), per poi passare al ferro circolare corto. Usando del cotone con paillettes ecco cosa è uscito fuori...


Perché il cappello è servito? Perché ho scoperto che per metterlo in forma basta usare...un PIATTO!!!!


Il modello è un adattamento di questo basco da adulti di Drop Design
In pratica l'ho modificato lavorando come da schema fino al completamento della prima foglia, quindi ho proseguito il lavoro eseguendo 1 sola foglia invece di due (praticamente non ho lavorato lo schema A3). Finita la seconda foglia ho lavorato per altri 8 giri continuando gli intrecci e poi ho chiuso il lavoro. 
Il video tutorial molto chiaro con cui ho imparato (FINALMENTE) ad usare il gioco di ferri è questo. E' stato pubblicato sulla pagina Facebook della Drop purtroppo non sono riuscita a ritrovarlo tra gli oltre 700 (!!!!) video del sito.
A presto!!

P.S. ....guardate un po' cosa ho appena ordinato su tessuti.com???


Ok così non si capisce molto...


ecco così è più chiaro!
Chissà cosa diventerà...

Related Posts with Thumbnails